Categoria: Notizie

Le cose più assurde mai dimenticate in albergo…

Posted By : Carmine Piantedosi/ 38 0

Sarà forse l’umore vacanziero, la spensieratezza, il jet lag..che ci rendono un tantino più sbadati, e così ci capita di tornare a casa in un certo senso “alleggeriti”. 

Finchè si tratta di dimenticare in hotel; abbigliamento, prodotti per il bagno, regalini, non è poi la fine del mondo. Un po’ più strano, forse imbarazzante, diventa quando gli oggetti dimenticati.. sono leggermente PARTICOLARI.

Ecco una lista di dimenticanze veramente ORIGINALI, i pezzi d’autore,  gli oggetti (ma non solo) più strani ritrovati negli alberghi di tutto il mondo.

Dentiera

Sembra scontato… come si fa a non accorgersi di non averla in bocca? E invece.. in una classifica stilata dal gruppo alberghieri Novotel, dimenticare la dentiera in hotel, è quasi una sorta di tendenza.

Fede nunziale

In fondo può capitare, si tratta pur sempre di un anello.  Ma dimenticarla proprio in viaggio di nozze.. beh un chiaro segno che, il matrimonio non è stato esattamente un successo?

Protesi ortopedica.

Sembra incredibile, ma alcune catene alberghiere hanno dichiarato di aver ritrovato, durante un anno, un totale di ben 80 protesi. La domanda sorge spontanea: come avranno fatto a tornare a casa gli sbadati proprietari?

Tartaruga.

Sì avete letto bene. Dimenticata dal suo padrone, il rettile ha iniziato a “passeggiare” per i corridoi della struttura, finchè non è stata ritrovata da un membro dello staff che ha inciampato su di lei.

16.000 dollari in contanti.

Non tanto originale, quanto bizzarra la strana abitudine di dimenticare soldi. E non stiamo parlando di pochi spiccioli, ma di 16.000 dollari in una valigetta! Fortunatamente il fidato portiere ha riportato tutto il bottino al legittimo proprietario, fino all’ultimo centesimo.

Urna con ceneri.

Una dimenticanza che ha dell’incredibile.. un’urna contenente le ceneri della suocera dell’ospite. Sarà un caso?

Scheletro.

Che ci faceva un ospite con uno scheletro a grandezza naturale nella camera di un albergo? Forse si sentiva troppo solo, in un letto king-size.

Cavallo.

In Inghilterra, qualcuno è stato capace di dimenticarsi addirittura un cavallo. La domanda ora è: ma come ci è entrato?

Vestito da rabbino.

In un tranquillo hotel degli Stati Uniti, qualche strano personaggio ha dimenticato un prezioso armamentario, un costume da rabbino completo di barba, cappelli e un distintivo con scritto “non scherzare con i servizi segreti texani”. Oggetto mai reclamato da nessuno.

Bambino.

Non stiamo parlando di “Mamma ho perso l’aereo”..ma di un ospite che ha dimenticato l’INDIMENTICABILE.. un bambino di 18 mesi. Speriamo sia un caso isolato e..giustificato!

Per le vostre partenze vi consigliamo di.. controllare accuratamente i vostri figli e…ogni cassetto e armadio della vostra camera. Non vorrete mica contribuire anche voi, ad allungare la lista?

Stranezze dal mondo: bar e locali bizzarri, e dove trovarli.

Posted By : Carmine Piantedosi/ 90 0

Anche in viaggio, tra un museo e un’attrazione, sacro è  il momento della  “pausa ristoratrice”, per noi italiani soprattutto. Si fa presto a dire andiamo al bar, ma mica sono tutti uguali? E non parliamo del loro modo di fare il caffè, perché tanto siamo sicuri che, nessuno di essi, saprà accontentarci.

Se, quindi, non dovesse essere un ottimo caffè a farvi ricordare la sosta bar, potrebbe essere invece qualcosa di più eccentrico..e forse proprio il bar in sé.

Alcuni gestori, infatti, anziché sul buon gusto, puntano proprio sull’originalità del locale, per attrarre clientela.

Bar e locali stravaganti, curiosi..sì perché ci sono alcuni veramente PARTICOLARI, che meritano di essere visitati, anche solo per pura curiosità o un buffo selfie da postare sui social.

A volte la fantasia veramente non ha limiti; ecco alcuni suggerimenti per una colazione stravagante, o una merenda coi fiocchi.

BlackDoor43, Milano, Italia.

Partiamo proprio dal Belpaese, e andiamo a Milano, dove si trova il bar più piccolo del mondo, appena 4 metri quadri. Dimensioni ridottissime ma una concentrazione alcolica ai limiti della legge! Inutile specificarlo.. per entrarvi obbligatoria la prenotazione!

Chillout Ice Lounge, Dubai.

Il locale più freddo al mondo, perfetto in una destinazione che è davvero “bollente”. Niente paura però, all’entrata vi saranno forniti indumenti termici ad hoc, e prima di entrare, verrete condotti in una zona, per così dire, di ambientazione, per evitare l’eccessivo sbalzo termico.

Wave Surf Café, Bordeaux.

Perfetto, per chi tiene particolarmente alla forma fisica. Infatti, potrete smaltire tutto ciò che mangiate, direttamente nel locale, facendo surf. Imparerete così a surfare come se foste sull’ Oceano, per tutto l’anno e in qualsiasi situazione atmosferica.

Vytopna, Praga.

Dove la birra arriva ai tavoli.. direttamente in treno. Dei trenini portano infatti sui loro vagoni, i  bicchieri al vostro tavolo. Ogni tavolo è attraversato da un binario, su cui il treno arriva, si ferma e, una volta che avrete preso le bibite, riparte.

Magic Restroom, Los Angeles.

Un ristorante a tema…toilette! Cucina Taiwanese, da gustare comodamente seduti su veri e propri water in ceramica, rigorosamente servita in tanti mini-water con tanto di sciacquone e mini urinatoi. Nonostante l’idea sembra poco invitante, il locale sta riscuotendo un enorme successo.

Kinderkookkafé, Amsterdam.

Altro che ospiti poco graditi.. questo bar è interamente gestito da bambini. Sono loro che (insieme ai propri genitori) una volta scelti gli ingredienti del loro piatto preferito ; cucinano, servono in tavola, e fanno il conto. Divertente, buono e anche sano.

Ithaa Undersea Restaurant, Maldive.

In fondo al mar..c’è un grande bar. Potremmo cambiare così la nota canzoncina della Sirenetta, in onore di un locale davvero incredibile. Uno dei ristoranti subacquei più belli al mondo, il design all’interno è praticamente fenomenale. E’ stato costruito nel 2005 ed ancora oggi è quello che vanta maggior prestigio al mondo.

Heart Attack Grill, Las Vegas, Stati Uniti.

Menù ipercalorico a base di hamburger, patatine fritte, bevande gassate, dolci..ma la particolarità sta nell’arredamento a metà tra una clinica privata e una paninoteca anni ’50, nell’accoglienza da parte di sexy cameriere vestite da infermiere,  che vi faranno indossare un camice per somministrarvi la succulenta terapia, e nel panino più calorico del mondo: 4 hamburger, 20 fette di pancetta, 20 fette di cipolla caramellata, 8 fette di formaggio, 8 fette di pomodoro, strutto, maionese, ketchup e senape. Diecimila calorie..si salvi chi può!

Rectum Bar, Vienna.

Incredibile ma vero, il bar  è a forma di apparato digerente! C’è  tutto dalla lingua, allo stomaco, dall’intestino all’anno che funge da uscita d’ emergenza. E se pensate che manchi…il tocco finale, vi sbagliate. C’è anche quello sottoforma di soffici divanetti, marroni ovviamente.

Chiudiamo questo viaggio, passando per Napoli e fermandoci da Nennella.

Tipico ristorante napoletano, non solo piatti succulenti e semplici, ma un servizio e un’atmosfera unici. Qui le formalità e il galateo restano un po’ fuori dal locale Dopo lo stupore iniziale capirete che bisogna stare allo scherzo e lasciarsi andare grazie al tipico carattere partenopeo del personale, con esilaranti battute e barzellette, lanciate tra una portata e l’altra..il divertimento è assicurato!

NUOVE DISPOSIZIONI PER LA RICHIESTA DEL VISTO PER LA CINA

Posted By : Carmine Piantedosi/ 257 0

CINA – NUOVA PROCEDURA OTTENIMENTO VISTI
Comunichiamo che, come da disposizioni del Consolato della Repubblica Popolare di Cina, a partire dal 4 novembre 2019 tutti i richiedenti il visto dovranno recasi al Centro Visti per la Cina per il deposito delle impronte digitali.

Il deposito delle impronte digitali verrà effettuato nello stesso giorno dell’appuntamento per la consegna della pratica di richiesta visto e il passeggero che dovrà depositare le impronte sarà accompagnato da un nostro incaricato.

Una volta depositate le impronte la pratica di richiesta visto seguirà il solito iter che prevede l’ottenimento del visto in 4 gg. lavorativi. Al momento le procedure urgenti sono soppresse fino a nuovo avviso.

Nel caso che, il giorno dell’appuntamento, la pratica di richiesta visto non venga accettata causa errori e/o incompletezza delle informazioni, si potrà comunque procedere con il deposito delle impronte digitali. La pratica di richiesta visto, una volta corretta e completata, verrà riconsegnata nei giorni successivi.

Le impronte digitali depositate resteranno nel data base dei centri visti di Roma o Milano per un periodo di 5 anni. In questi 5 anni non ci sarà più bisogno di tornare per depositare le impronte e si potrà fare il visto normalmente. Scaduto il periodo di 5 anni si dovrà procedere con un nuovo deposito delle impronte digitali. Sono esenti dal deposito delle impronte i bambini sotto i 14 anni e gli adulti sopra i 70 anni. Segnaliamo che chi depositerà le impronte al Centro visti di Milano per i prossimi 5 anni potrà richiedere i visti Cina solamente al Centro Visti di Milano e viceversa per Roma.

Segnaliamo che, in base a queste nuove regole, l’organizzazione dei viaggi in Cina deve essere fatta con largo anticipo considerando che, ad oggi, i tempi medi per fissare l’appuntamento ed ottenere il visto sono mediamente di 15 giorni.

INCONTRO CON GLI STUDENTI DELLA FEDERICO SECONDO INSIEME A DIANA DE VINCEZO E TOMMASO GUERRIERO – TRENITALIA

Posted By : Francesco Spinosa/ 204 0

Continuano gli incontro con i professionisti del turismo Italiano per gli studenti dello S.T.I.M. dell’ Università di Napoli Federico II – Monte S. Angelo di Napoli – Oggi grazie alla dott. ssa Diana De Vincenzo dirigente campania di Trenitalia SpA accompagnata dal Sig. @Tommaso Guerriero resp.le commerciale Campania di Trenitalia SpA – Gli studenti durante la nostra lezione hanno avuto modo di ascoltare con grande interesse i dati ed i progetti del principale e storico vettore ferroviario nazionale, scoprendo tutti i vantaggi e le opportunità offerte da questa tipologia di trasporto.

Meeting with Italian tourism professionals for the students of S.T.I.M. of the University of Naples Federico II – monte sant’angelo. All this was possible thanks to the availability of dr. Diana De Vincenzo director of Trenitalia S.p.A. accompanied by Mr. Tommaso Guerriero sales manager for Campania of Trenitalia S.p.A.

The students listened with great interest to the numbers and projects of the main and historic national railway carrier, discovering all the advantages and opportunities offered by this type of transport

Incontro con Diana de Vincenzo, accompagnata da Tommaso Guerriero, Trenitalia con gli studenti della Federico II, facoltà economia del Turismo

INCONTRO CON GLI STUDENTI DELLA FEDERICO II INSIEME A RAFFAELE CAIZZO – BLUVACANZE.IT

Posted By : Francesco Spinosa/ 157 0

Continuano gli incontri formativi con gli studenti della Università di Napoli Federico II – Monte S. Angelo, facoltà di economia del turismo, partecipanti ai miei laboratori di ” Tecnica e management delle imprese turistiche “. Oggi hanno incontrato il responsabile Italia del network Bluvacanze dott. Raffaele Caiazzo uno dei protagonisti del mondo del turismo italiano

Ringrazio il dott. Caiazzo per il tempo che ci ha dedicato, ma soprattutto per avere trasmesso ai ragazzi l’entusiasmo verso il futuro che li attenderà una volta raggiunto il titolo di studio. Anche lui ex allievo di questo ateneo (esattamente come sono ora i miei studenti ) ha incitato i ragazzi a credere nei propri sogni e di non aver paura di vedere oltre per realizzarli.

Incontro con Raffaele Caiazzo, Bluvacanze con gli studenti della Federico II, facoltà dell’economia del Turismo

INCONTRO CON GLI STUDENTI DELLA FEDERICO II INSIEME A LEONARDO MASSA – MSC CROCIERE

Posted By : Francesco Spinosa/ 140 0

Gli studenti della Università di Napoli Federico II – Monte S. Angelo facoltà di economia del turismo, partecipanti ai miei laboratori di ” Tecnica e managemnet delle imprese turistiche “, sono rimasti molto colpiti dall’incontro con uno dei manager più rappresentativi del mondo del turismo italiano, il dott. Leonardo Massa, Country Manager di MSC Crociere.

Vorrei ringraziare personalmente il dott. Massa per la sua amicizia, ma soprattutto per la grande lezione data ai ragazzi e per avergli trasmesso ottimismo verso il loro futuro raccontando di come, con perseveranza, sacrificio ed umiltà (una qualità mantenuta anche oggi, nonostante il ruolo ricoperto) sia riuscito a raggiungere dei buoni risultati. Ex allievo di questo ateneo (esattamente come sono ora i miei studenti), ha incitato i ragazzi a credere nei propri sogni e di non aver paura di vedere oltre per realizzarli. Ad maiora!

Incontro con Leonardo Massa, Msc Crociere con gli studenti della Federico II, economia del Turismo

5 cose da fare assolutamente a Capri

Posted By : Iconica/ 437 0

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. Ut enim ad minim veniam.

Duis aute irure dolor in reprehenderit in voluptate velit esse cillum dolore eu fugiat nulla pariatur. Excepteur sint occaecat cupidatat non proident, sunt in culpa. Ut enim ad minim veniam, quis trud tionco laboris nisi ut aliquip.

Il fascino di Capri è leggendario: acque blu cristallinelimoneti, piccole spiagge a picco sul maregrotte magiche e piatti della tradizione mediterranea sono solo alcune delle caratteristiche salienti di quest’isola.

Ma avendo pochi giorni a disposizione per visitarla quali sono le attività migliori fare e i luoghi più intriganti da vedere? Ecco la nostra proposta con le 5 cose da fare assolutamente a Capri, con consigli anche su come arrivare e dove mangiare a Capri.

Come arrivare a Capri?

Prima di tutto, però, occorre sapere come arrivare nella meravigliosa isola di Capri. Noi siamo partiti da Bologna e siamo arrivati alla stazione di Napoli con il treno Italo; durata: 3 ore e mezza.

Dalla stazione, poi, bisogna raggiungere il Molo Beverello, da cui partono i traghetti per l’isola di Capri. Ti consigliamo di prendere un taxi appena fuori dalla stazione, che per pochi euro ti porta in 10 minuti al molo.

Da qui, ci sono navi e traghetti per Capri circa ogni mezz’ora. Il biglietto costa 20€, e la traversata dura 50 minuti. Il traghetto ti lascerà al porto di Marina Grande. Da qui poi potrai raggiungere il tuo hotel o appartamento tramite taxi o bus.

Le 5 cose da fare assolutamente a Capri

Raggiungere il Monte Solaro con la seggiovia

vista dalla seggiovia monte Solaro Capri

Il Monte Solaro è il punto più alto di Capri, con i suoi quasi 600 metri. Da qui si può ammirare un meraviglioso panorama dell’intera isola. L’unico modo per raggiungerlo è tramite la seggiovia situata ad Anacapri.

La salita/discesa costa 11€, e il tragitto dura 13 minuti, in cui ti troverai a “volare” tra i cielo blu di Capri. Passerai inoltre sopra limoneti, vigne, fichi d’India, e distese verdi.

Una volta arrivati in cima, lo spettacolo sarà ancora più affascinante. Riuscirai a scorgere i Faraglioni, il golfo di Napoli e di Salerno, immersi nel mare di un colore blu intenso.

panorama monte solaro

Ecco la posizione e come raggiungere la seggiovia con –> Google Maps.

Buttarsi in mare dalla scaletta a Lido del Faro

Uno dei punti più spettacolari in cui balneare a Capri è sicuramente Lido del Faro, situato appunto di fianco al maestoso faro di Capri. Non c’è spiaggia, non c’è sabbia, non ci sono ciottoli, ma scalette e scogli.

Infatti, si accede al mare solo tramite due scalette in ferro, poste all’estremità delle rocce che danno sul mare. La sensazione è quella di una piscina infinita.

Inoltre, questo è l’unico luogo a Capri da cui si può ammirare il tramonto sul mare.

Ecco come –>  raggiungere il Lido del Faro.

Visitare i Giardini di Augusto e la via Krupp

Tra le 5 cose da fare assolutamente a Capri non può mancare una visita ai Giardini di Augusto, che si trovano a pochi passi dalla Piazzetta di Capri.

Al costo di un solo euro, potrai goderti una bella passeggiata tra una ricca collezione di fiori e piante. Ma non solo. Al termine della passeggiata, si arriva su un ampio terrazzo, da cui si possono ammirare i Faraglioni proprio di fronte a te.

via krupp Capri

Di fianco ai Giardini, invece, troverai la via Krupp. Si tratta di una strada panoramica fatta costruire a zig zag sul costone roccioso, da cui poi si raggiunge il mare. È considerata una vera e propria opera d’arte. –> come arrivare in via Krupp.

Lungo la strada che porta ai Giardini, non puoi proprio perderti il chioschetto addobbato con mille limoni profumati. La sua specialità sono le granite artigianali preparate utilizzando solo frutta locale. Non solo limoni, ma anche arance, melograni, lime, fichi d’India, crema di limoncello. I prezzi sono onestissimi: 3.50€ per una granita media.

Noleggiare una barca e ammirare i Faraglioni da vicino

Un’esperienza che abbiamo voluto provare e che consiglio, è noleggiare una piccola barchetta (25 cavalli) presso il porto di Marina Piccola e ammirare Capri e i Faraglioni dal mare. Ti consiglio di noleggiare la barca presso il punto Rent a Boat.

I mitici Faraglioni Capri, foto scattata da Gaspar Janos di shutterstock.com
I mitici Faraglioni Capri, foto scattata da Gaspar Janos di shutterstock.com

Noi eravamo in quattro e abbiamo speso 27€ a testa per un noleggio di 2 ore. La barca viene affidata completamente a voi. Ovvero, eravamo noi a doverla guidare, senza nessun pilota o aiuto a bordo.

Il giro in barca è stato unico. Abbiamo costeggiato la costa nord di Capri, passando davanti e dentro alla Grotta Bianca. Ma soprattutto passando in mezzo ai Faraglioni, meravigliosi e imponenti al tempo stesso.

Inoltre, c’era anche la possibilità di gettare l’ancora e tuffarsi. Siccome però il mare era leggermente mosso, abbiamo preferito non farlo dedicandoci a scattare tante foto e prendere il sole a bordo.

Indicazioni per –> arrivare al porto di Marina Piccola

Visitare la Grotta Azzurra

Una delle attrazioni turistiche più famose di Capri, ma altrettanto difficile da visitare, è la Grotta Azzurra. Il motivo? Per entrare nella grotta, è necessario che ci sia il mare assolutamente calmo.

Infatti, il varco di entrata è talmente stretto e basso che se ci fosse il mare mosso sarebbe impossibile entrare. Solo le barchette a remi con massimo 2-3 persone a bordo possono entrarci.

Purtroppo, durante i giorni della nostra permanenza, il mare è stato sempre mediamente mosso, e quindi non abbiamo potuto visitarla. Ti consiglio di controllare sempre il bollettino mare su internet, per non fare un giro a vuoto. Ma se ti chiedi cosa fare a Capri in tre giorni segna assolutamente questo luogo

Dove mangiare a Capri?

Quando diciamo Capri pensiamo subito, oltre che al mare e alla moda, al cibo. Il cibo della Campania ha contribuito a rendere famosa l’Italia all’estero, simbolo inequivocabile del nostro paese. Quindi, le aspettative culinarie quando si visita Capri sono abbastanza elevate.

Durante il nostro soggiorno in quest’isola abbiamo potuto provare diverse cucine, ristoranti, locali, specialità, a diversi prezzi ed ecco quali sono i tre locali migliori e che ti suggeriamo.

Gelateria Pasticceria Gastronomia Buonocore

Nei pressi della Piazzetta, a Capri centro, esiste un posto particolare. Sull’insegna esterna, leggerete “Pasticceria Buonocore” ma in realtà questo piccolo locale produce di tutto. Dai gelati artigianali alle pizze farcite, da sorbetti di frutta a focacce calde, insomma ogni palato verrà soddisfatto.

Ciò che ci ha spinto ad entrare e curiosare, è stata la lunghissima fila all’esterno del negozio. La maggior parte dei clienti era in attesa di assaggiare il loro famoso gelato. Famoso perché la cialda del cono viene preparata sul momento, da gustare calda e croccante.

Inoltre, i gusti del gelato vengono applicati a forma di tulipano, e per chi vuole con l’aggiunta di panna montata o cioccolata fusa. Noi ci siamo fermati qui a pranzare con delle focacce calde farcite ai funghi e prosciutto, e abbiamo capito il perché della numerosa coda.

Inoltre, abbiamo anche assaggiato un’altra specialità tipica di Capri, i Caprilù al limone, ovvero morbidi biscotti ripieni di limone e mandorle davvero squisiti.

prezzi sono bassissimi rispetto agli altri locali di Capri, e la qualità è sicuramente più elevata.

Ristorante Michelangelo

Se per una sera hai voglia di un’atmosfera romantica con cibo elaborato, tra tutti i ristoranti a Capri ti consigliamo il Ristorante Michelangelo. Si trova in una viuzza nascosta alla vista, per questo ancora più esclusivo.

Non spaventatevi però: i prezzi sono assolutamente nella norma. La nostra cena qui è iniziata con dell’ottimo pane caldo con olio, accompagnato dalla musica di sottofondo suonata dal pianista. Il menù presenta piatti della tradizione elaborati in chiave gourmet e moderna.

Ci siamo fatti tentare dai paccheri al limone con vongole e noci, e dobbiamo dire che siamo rimasti più che soddisfatti. Come dolce, infine, abbiamo assaggiato dei biscotti-meringa al limone, il tutto accompagnato da una bottiglia di vino bianco. Per un antipasto, un primo, e un dolce (più bottiglia di vino divisa in quattro), abbiamo speso 30€ a testa, la metà di ciò che avremmo speso in qualsiasi altro ristorante sull’isola.

 

Pizzeria Barbarossa

La pizza è un must in Campania, e ovviamente anche Capri non è da meno. La nostra scelta è ricaduta sul Ristorante Pizzeria Barbarossa, in centro ad Anacapri. Si trova in un locale sopraelevato, con vista sull’intera città. Le pizze sono preparate secondo la tradizione napoletana: alte, soffici, con la crosta morbida, e super farcite. La mozzarella che usano è rigorosamente della zona.

Gli ingredienti si possono scegliere a proprio piacimento, ma se vuoi davvero immergerti appieno nello spirito del luogo, devi provare la pizza ripiena. Si tratta di una pizza con un lato ripieno di prosciutto cotto e panzerotti, e con l’altro steso normalmente e farcito con salsiccia. Il totale per questa pizza e una bottiglia d’acqua è di 13€.