10-cose-piu-assurde-mai-dimenticate-in-albergo

Le cose più assurde mai dimenticate in albergo…

Posted By : Scoop Travel/ 624 0

Le cose più assurde mai dimenticate negli hotel in giro per il mondo…

Sarà forse l’umore vacanziero, la spensieratezza, il jet lag..che ci rendono un tantino più sbadati, e così ci capita di tornare a casa in un certo senso “alleggeriti”. 

Finchè si tratta di dimenticare in hotel; abbigliamento, prodotti per il bagno, regalini, non è poi la fine del mondo. Un po’ più strano, forse imbarazzante, diventa quando gli oggetti dimenticati.. sono leggermente PARTICOLARI.

Ecco una lista delle cose più assurde mai dimenticate negli hotel in giro per il mondo…


Dentiera

Sembra scontato… come si fa a non accorgersi di non averla in bocca? E invece.. in una classifica stilata dal gruppo alberghieri Novotel, dimenticare la dentiera in hotel, è quasi una sorta di tendenza.

 

 

Fede nunziale

In fondo può capitare, si tratta pur sempre di un anello.  Ma dimenticarla proprio in viaggio di nozze.. beh un chiaro segno che, il matrimonio non è stato esattamente un successo?

 

 

Protesi ortopedica

Sembra incredibile, ma alcune catene alberghiere hanno dichiarato di aver ritrovato, durante un anno, un totale di ben 80 protesi. La domanda sorge spontanea: come avranno fatto a tornare a casa gli sbadati proprietari?

 

 

Tartaruga

Sì avete letto bene. Dimenticata dal suo padrone, il rettile ha iniziato a “passeggiare” per i corridoi della struttura, finchè non è stata ritrovata da un membro dello staff che ha inciampato su di lei.

 

 

16.000 dollari in contanti

Non tanto originale, quanto bizzarra la strana abitudine di dimenticare soldi. E non stiamo parlando di pochi spiccioli, ma di 16.000 dollari in una valigetta! Fortunatamente il fidato portiere ha riportato tutto il bottino al legittimo proprietario, fino all’ultimo centesimo.

 

 

Urna con ceneri

Una dimenticanza che ha dell’incredibile.. un’urna contenente le ceneri della suocera dell’ospite. Sarà un caso?

 

 

Scheletro

Che ci faceva un ospite con uno scheletro a grandezza naturale nella camera di un albergo? Forse si sentiva troppo solo, in un letto king-size.

 

 

Cavallo

In Inghilterra, qualcuno è stato capace di dimenticarsi addirittura un cavallo. La domanda ora è: ma come ci è entrato?

 

 

Vestito da rabbino

In un tranquillo hotel degli Stati Uniti, qualche strano personaggio ha dimenticato un prezioso armamentario, un costume da rabbino completo di barba, cappelli e un distintivo con scritto “non scherzare con i servizi segreti texani”. Oggetto mai reclamato da nessuno.

 

 

Bambino

Non stiamo parlando di “Mamma ho perso l’aereo”..ma di un ospite che ha dimenticato l’INDIMENTICABILE.. un bambino di 18 mesi. Speriamo sia un caso isolato e..giustificato!

Per le vostre partenze vi consigliamo di.. controllare accuratamente i vostri figli e…ogni cassetto e armadio della vostra camera. Non vorrete mica contribuire anche voi, ad allungare la lista?

La Spiaggia del Relitto

Posted By : Scoop Travel/ 919 0

La Spiaggia del Relitto: una delle principali attrazioni di Zante

La Spiaggia del Relitto, o spiaggia del Navagio, è un’insenatura di rara bellezza che sarà una tappa obbligata delle vostre vacanze a Zante. Incastonata fra altissime e bianche pareti di roccia, fa innamorare i turisti con il luccichio dei suoi colori: da una parte ciottoli, sassolini e sabbia bianca e dall’altra un mare limpido e cristallino dalle mille sfumature azzurre, che spaziano dal turchese chiarissimo al blu elettrico intenso, per via delle sorgenti sulfuree.

Da vedere a Zante: La spiaggia del Relitto

La spiaggia deve il suo nome attuale al relitto dell’MV Panagiotis che naufragò sulle sue rive negli anni ’80, creandola e fondendosi con essa.

La barca, infatti, era adibita al contrabbando di sigarette destinate al mercato nero ma in una notte d’ottobre, in cui era tallonata dalla Guardia Costiera greca, decise di fermarsi al riparo nell’oscurità della cala.

La mattina seguente, però, l’imbarcazione si ritrovò arenata in una secca di Zante da cui non è più potuta uscire, in quanto la risacca in breve tempo accumulò  tutt’intorno ad essa del materiale sabbioso, dando vita alla celebre spiaggia.

Ancora oggi gli abitanti del luogo ricordano che in quei giorni, nel mare circostante, si trovavano numerosi pacchetti e stecche di sigarette, provenienti dal relitto.

Sul promontorio prospiciente, a metà strada fra i paesini montani di Volimes ed Anafonitria, vi è una stradina panoramica che termina con una terrazza sospesa nel vuoto da cui è possibile osservare ed immortalare dall’alto lo spettacolo di questo luogo d’ineguagliabile bellezza.

Per visitare questa meraviglia della natura scegli i pacchetti volo Napoli Zante dell’agenzia Bongi. Una volta sull’isola è possibile usufruire dei vari taxi-boat locali in partenza ogni ora dal Porto Vromi, che organizzano anche piccoli tour guidati. E’ consigliabile visitare la spiaggia al mattino presto, poiché nelle ore pomeridiane spesso il mare tende ad ingrossarsi rendendo problematico il rientro.